Translate

VANILLE COSMETICS: PRIMER OCCHI NATURALE INTENSIFICATORE- BYE BYE PIEGHETTE


Il primer occhi è uno di quei prodotti che fino a qualche anno fa non ne conoscevo nemmeno l'esistenza, oggi,  le rare volte in cui mi diletto a colorare le mie palpebre, mi è diventato necessario, la differenza tra il con e il senza è notevole, e non tanto in termini di durata che a me interessa poco, quanto per evitare l'antiestetico problemino del colore depositato in tutte le pieghe dell'occhio che ti invecchiano così tanto lo sguardo che il giorno dopo invece di un bel colore smeraldo, preferisci di gran lunga il tuo giallino naturale. Ricordo ancora quando Clio Makeup pronunciò per la prima volta la parola "PRIMER", andai su google traduttore per cercare di capire che cosa fosse ^_^ e trovarlo nelle profumerie italiane non era facile, oggi quasi tutti i brands ne propongono uno, ma trovarlo con una composizione naturale che funzioni esattamente come quelli siliconici è impresa quasi impossibile, anche se il mercato si sta ampliando e la sperimentazione continua.

Vanille Comsetics è un giovane brand italiano che realizza cosmetici per lo più minerali a prezzi veramente accessibili, lo trovate in vendita su Ravedoll, sito che conosco da molti anni che vende non solo cosmetici bio e non, ma anche abbigliamento, la spedizione avviene in tempi rapidissimi e i prezzi in genere sono molto competitivi. Venni a conoscenza di questo sito grazie a YouTube, dove la gentile Antonella carica video su vari temi,  io l'ho trovata perché cercavo degli swatches sul fondotinta della 100% pure, che acquistai proprio in questo sito (ve lo lascio anche se fuori tema :-).

Due mesi fa fu proprio Antonella a scrivermi per questa collaborazione e con immenso piacere mi ha inviato diversi prodotti di Vanille Cosmetics , nel particolare ho ricevuto :
  • PRIMER OCCHI
  • SPRY FISSANTE TRUCCO
  • ACQUA MICELLARE NATURALE
  • CONTORNO OCCHI
  • CREMA VISO UNIVERSALE 3IN1

Oggi vi parlerò del PRIMER OCCHI che è uno dei primi prodotti che ho cominciato ad usare.

Come tutti i prodotti di VANILLE COSMETICS, anche questo primer si trova all'interno di un flacone iper colorato con un nome avvincente "BYE BYE PIEGHETTE" che diciamolo è la funzione principale che ci aspettiamo da un prodotto di questo genere. Il dispenser è abbastanza pratico, è infatti composto da un beccuccio sottile che riesce a dosare abbastanza bene il prodotto, dico abbastanza bene perché bisogna stare attente a premere il flacone con delicatezza oppure ne uscirà un quantitativo esagerato.

La TEXTURE si presenta liquida, lievemente gellosa e completamente trasparente, questo primer infatti non va ad omogenizzare le eventuali discromie della palpebra, ma funge come collante affinché gli ombretti non si depositino nelle pieghe e come intensificante dei colori. Nasce per essere utilizzato con gli ombretti minerali in polvere libera (Vanille ne dispone di molti colori) ma io l'ho testato principalmente con gli ombretti compatti.


Si asciuga piuttosto rapidamente, e anche se si esagera con la quantità riesce a fissarsi sulla palpebra in modo agevole. Crea una patina leggermente appiccicosa che è ciò che lo rende discretamente funzionante.

INCI:

AQUA,GLYCERIN(,INULIN, PANTHENOL ,CHAMOMILLA RECUTITAPUNICA GRANATUM, XANTHAN GUMSODIUM DEHYDROACETATE, BENZYL ALCOHOL, DEHYDROACETIC ACID, TETRASODIUM GLUTAMATE DIACETATE, CITRIC ACID, PARFUM, CITRONELLOL, GERANIOL, LIMONENE, LINALOOL.


CONSIDERAZIONI:
Ho testato questo prodotto con diversi ombretti, non ne possiedo molti, ma le marche con cui l'ho messo alla prova sono DR.Hauschka, nel particolare la bellissima palette ombretti in edizione limitata sui toni del rosa e del marrone, gli ombretti di Nabla, Gli ombretti della Palette Pacifica (ve ne parlai qui), gli ombretti della palette colori neutri di Purobio , e gli ombretti in polvere libera  di Neve cosmetics.
Quello che ho notato è che funziona in modo eccellente con gli ombretti in polvere libera, perché il primer crea una pellicola discretamente appiccicosa che consente alle polveri di aderire in un attimo, non alterando però la facilità di sfumatura. Avevo infatti paura che questa pellicola creasse un'eccessiva aderenza e invece anche non andando ad applicare un ombretto color carne come base, sono riuscita a sfumare in modo agevole, calcolate che io con il make up occhi non sono assolutamente ferrata, appartengo al partito del W LA LINEA DI EYE-LINER e Ciao! :-) Questo mi fa pensare che per chi ha dimestichezza le venga ancora più facile. Con gli ombretti compatti di tutte le marche sopracitate funziona in modo discreto, le polveri non si depositano nelle pieghe dell'occhio per circa 5 ore, poi iniziano un pochino ad attenuarsi, ovvero l'ombretto rimane fisso, non cola, ma  un po' di colore sulle pieghe più evidenti inizia ad esserci, tuttavia mai in modo così vistoso da costringermi al ritocco o a farmi consultare lo specchietto come fossi la più incerta del mondo.

Come intensificatore dei colori invece si comporta in modo "simpatico", con quelli più pigmentati non vedo una grande differenza, mentre i colori più chiari se non son troppo setosi (vedi la palette eyeshadow trio del Dr. hauschka ) li rende più visibili, soprattutto se sono duochrome. Insomma come intensificatole dei colori lo metto tra i prodotti "NI", ma per quello che mi riguarda è un'aspetto che mi interessa poco.
palette Dr. Hauschka

Concludendo direi che per le mie esigenze è un primer promosso, io non mi aspetto miracoli, ma certamente desidero che per almeno mezza giornata gli ombretti rimangono fissati, se poi si attenuano o vanno leggermente nelle pieghette ma non in modo troppo visibile, non mi faccio problemi, perché di fatto nel complesso l'occhio risulta curato e l'ombretto non è colato ovunque. E' ovvio che quelli siliconici in questo senso non li batte nessuno, da usare durante le occasioni importanti, per un uso quotidiano per me basta e avanzano questi naturali.
Sarebbe da riprovare con il caldo, ma avendo una base che ben si amalgama con la palpebra secondo me continua ad essere funzionante, al contrario di quelli troppo cremosi (vedi Bella Pierre) che con le temperature più calde perdono un po' di efficacia.



Nessun commento