Translate

COSMETICI FLOP



Le beauty blogger vengono spesso accusate di promuovere tutto in modo indiscriminato e sotto questa questa frase si nasconde un pensiero ancora più netto: "non c'è più sincerità". In realtà  bisogna distinguere, il mondo del blogging è cambiato molto, e da quando Instagram la fa da padrone con i suoi mille format, il tempo a disposizione per chi come me ha un lavoro full time si è ridotto enormemente e per quello che mi riguarda sono maggiormente stimolata ad aggiornare questo spazio quando rimango entusiasta di un cosmetico. 

Credo comunque che leggere esperienze d'uso più critiche possa essere utile, basta essere consapevoli del fatto che ogni pelle è un mondo a sé e che quindi alcune caratteristiche non apprezzate da qualcuno, possano essere punti di forza per altri.

COMINCIAMO: COSMETICI FLOP E "NI" del PERIODO


SKINCARE

  • MASCHERA GEL OCCHI NATURE UP





Da quando ho superato i 40 anni, il mio contorno occhi si fa sempre più stropicciato. La mattina la mia zona perioculare grida e chiede nutrimento, d'altronde, nonostante sul viso abbia una pelle mista grassa, in questa delicata zona tutto cambia, ecco perché si consiglia sempre di usare un cosmetico specifico. Nella zona perioculare, infatti, la pelle è molto più sottile e le ghiandole sebacee scarseggiano, inoltre è una zona molto sollecitata e quindi con più facilità si formano rughe di espressione. 

Il mio principale problema è che ho bisogno sia di nutrimento che di attivi che lavorano contro il ristagno dei liquidi e le due cose non sempre è facile combaciarle con un unico cosmetico. Per le Borse, infatti, sono più indicate le formule in gel fresche con attivi drenanti, per il nutrimento invece sono più performanti le texture in crema corpose e filmanti, proprio per questa ragione ho pensato di usare quotidianamente qualcosa che lavora sulle rughe di espressione e di usare ogni tanto un trattamento d'urto contro le borse. La MASCHERA GEL OCCHI DI NATURE UP in tal senso è perfetta, contiene attivi sia ad azione depigmentante (Arbutina) che ad azione drenante (alghe brune), purtroppo però con un uso prolungato e costante (l'ho applicata quasi sempre di mattina due volte a settimana) mi sono resa conto che se l'effetto drenante c'è, al tempo stesso mi lascia la zona del contorno occhi un pò "raggrinzita". Ho cercato di risolvere questo problema applicandola sopra un contorno occhi corposo, ma in tal caso l'effetto sulle borse era più blando. E se tenuta in posa tutta la notte, la mattina purtroppo il mio contorno occhi era meno gonfio, ma decisamente molto più secco. Per questa ragione inserisco questo cosmetico nella sezione "NI" ovvero un cosmetico che fa quello che promette, ma non è adatto alle mie esigenze. Credo che sia perfetto per chi è più giovane di me e non ha la zona troppo segnata o secca.

* cosmetico ricevuto gratuitamente a scopo valutativo dall'azienda senza per questo inficiare sull'onestà della mia valutazione

  • SUPREME D&N REPAIR di ETEREA COSMESI

foto presa dal web

Di Eterea ho apprezzato molti cosmetici, in primis il siero all'acido ialuronico e l'essenza della linea lux, ma con la SUPREME D&N Repair ho fatto un po' di difficoltà ad inserirla all'interno della mia skincare routine, nonostante abbia riscontrato anche dei benefici.

Questa "crema non crema" che l'azienda consiglia di usare mattina e sera dopo l'applicazione di un siero e prima del trattamento diurno, su di me, pur dosando la quantità, nel corso delle ore mi faceva lucidare la zona T, ma al tempo stesso la sua texture molto piacevole e fluida sembrava insufficiente a dare "acqua" alle zone più disidratate. Ho provato a farla seguire da una crema, ma usare siero, la Repair e la crema per la mia pelle era decisamente troppo.

Probabilmente ha inciso l'insieme dei cosmetici che ho usato in quel periodo, ma è come se non riuscissi mai ad assorbirla completamente. 

Anche questo cosmetico lo inserisco tra i cosmetici "NI" perché credo che una pelle normale o secca (in tal caso in inverno sarà necessario integrarla con una crema più nutriente) possa andare  bene, quello che infatti ho apprezzato è che lascia la pelle molto liscia e si sposava bene come base per il make-up.

* cosmetico ricevuto gratuitamente a scopo valutativo dall'azienda senza per questo inficiare sull'onestà della mia valutazione

  • JELLY LIFT MASK ESTETISTA CINICA

foto presa dal web



Premetto subito che i cosmetici dell'ESTETISTA CINICA non sono ecobio,  quindi per chi preferisce usare solo cosmetici vegetali, come me, è necessario sempre guardare la lista degli ingredienti caso per caso. A me questa maschera è stata regalata, e chi mi segue da tempo sa bene che se un tempo ero molto più intransigente, oggi so che buttare un cosmetico solo perché non interamente green è da un punto di vista etico peggiore che usarlo. 

Torniamo a noi, questa maschera promette di liftare la pelle in pochi minuti, l'attivo prevalente è l'ACIDO IALURONICO, ma troviamo anche POLISSACARIDI NATURALI che creano un film  sulla pelle ad effetto tirante. Oiboh nell'INCI molto corto, troviamo anche l'"ACRYLATES/BEHENETH-25 METHACRYLATE COPOLYMER" che Ecobiocontrol classifica  con un pallino rosso non solo perché è un PEG derivato petrolifero, ma anche perché potrebbe contenere Diossano. Altro pallino rosso per il CARBOMER, un gelificante non ecobio ma che a volte non è facilmente sostituibile con altri ingredienti che svolgono la stessa azione.

Si presenta in gel, è fresca e facile da applicare, inoltre è iper pratica perché va tenuta in posa solo 10 minuti, tempo che non va assolutamente superato perché la volta che l'ho fatto, ho faticato a sciacquarla, come se non volesse più andare via dalla mia pelle nonostante l'utilizzo di un detergente schiumogeno, cosa che con le maschere non si deve fare, ma dovevo pur rimuoverla. Quando l'ho tenuta in posa i 10 minuti come consigliato, ho faticato comunque a sciacquarla, ma insomma mi è bastata della semplice acqua. 

Il risultato è stato si una pelle che tirava, e quindi apparentemente con rughe più distese, ma è un effetto che mi è durato davvero poco e oltretutto non è nemmeno troppo piacevole da sentire. Per questa ragione non è un cosmetico che acquisterei una volta terminato.

MAKE UP

  • CORRETTORE BENECOS IN STICK

foto presa dal web

Quando BENECOS, azienda tedesca di cosmetici certificati biologici, ha rinnovato completamente la sua collezione make-up, acquistai diverse cose soprattutto tentata dai costi contenuti, purtroppo però questo correttore in stick ha una texture così dura e pastosa che sul contorno occhi è molto difficile da sfumare, molto meglio se usato per coprire le imperfezioni del viso, ma anche qui l'effetto coprente, che definisco  medio, non durava molte ore. Inoltre crea spessore e quindi avevo difficoltà a combinarlo con la texture del fondotinta cremoso di Madara che usavo in quel periodo, ancora peggio con i fondotinta in polvere, perché  la macchia di colore rimaneva visibile.

  • BROW MODEL UNIVERSAL SHAPE di NEVE COSMETICS per sopracciglia.

foto presa dal web



Dopo aver amato la versione colorata, ho deciso di acquistare questa trasparente, perché decisamente più versatile. Io ho sopracciglia molto spesse e lunghe, non ho problemi di riempimento e buchetti, ma ho la necessità di fissarle. Questo cosmetico non mi è piaciuto perché la sua texture spessa non è trasparente, ma bianca, e sulle mie ciglia è un colore che  rimane abbastanza visibile anche quando si secca, anzi soprattutto quando si secca. L'unico modo per ovviare a questo problema è ridurre la quantità di cosmetico applicata, ma questo purtroppo ne inficia l'efficacia. 

Inoltre se nel corso delle ore mi tocco le sopracciglia per sbaglio, tende a sbriciolare.. Peccato perché trovo il suo potere fissante molto interessante, ma tornerò ad acquistare la versione colorata che per quanto presenta difetti simili, il colore marrone (io uso il Roma Brown) si mimetizza bene con quello  delle mie sopracciglia e riesco comunque a godermi l'effetto disciplinante e fissante.


  • CIPRIA GLASS GLOW  NEVE COSMETICS

foto presa dal web


DI COSA SI TRATTA? Di una polvere compatta fissante con un finish leggermente luminoso. Può essere usata da sola sulla pelle nuda oppure per fissare il make-up

Faccio subito una premessa: questa cipria con molta probabilità non sono riuscita ad apprezzarla fino in fondo perché mal si sposa con i fondotinta che sto usando in questo periodo  che hanno un finish leggermente luminoso, forse riprovata con un fondotinta matte l'impressione sarebbe diversa. Tuttavia ci sono delle cose che non mi hanno convinta nemmeno quando l'ho usata da sola.

Quando viene baciata dal sole, per esempio, sulla mia pelle tira fuori un riflesso perlato e rosato, nulla di eclatante, ma l'effetto finale non mi convince molto. Inoltre tende ad evidenziare i pori dilatati e quindi non è sicuramente una cipria che una pelle mista grassa può usare con disinvoltura su tutto il viso, non è molto versatile. Non mi è dispiaciuta usata per fissare il correttore, ma anche qui dipende molto anche dal colore che ho messo come base perché quel riflesso può farsi ancora più importante.

Concludendo credo che sia una cipria che sarà apprezzata da chi utilizza fondotinta matte o da chi ha una pelle secca molto più uniforme della mia. Io l'avevo acquistata per utilizzarla per lo più da sola senza l'applicazione del fondotinta, ma , ripeto, i riflessi del colore non mi piacciono molto. Peccato perché la texture di questa polvere è molto sottile e non spolvera eccessivamente, ma per me è sicuramente più indicata la cipria DRAMA MATTE ad effetto opacizzante che amo e che riesco ad usare su tutto il viso.


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Nessun commento